L’archivio del tag «jazz»

La musica del sabato

Per qualche strano motivo non posto da un sacco di tempo le canzoni di Louis Armstrong… Il fatto che sia un genio è già sufficiente per farlo ascoltare, ma per pura, piccola e non tanto strana coincidenza è anche l’artista dalla musica del quale ho iniziato – quasi trent’anni fa – a scoprire il jazz. Quindi per me è un musicista speciale per più di un motivo.
Il primo brano che ho scelto per oggi è «When The Saints Go Marching In»

E poi aggiungo «You’ll Never Walk Alone»

Anche se è sempre difficile scegliere solo due esempi tra una infinità di quelli possibili.


La musica del sabato

Nella edizione odierna della rubrica musicale ho pensato di ricordare uno dei dischi più noti di Quincy Jones: il «Back on the Block» del 1989. Alla creazione dell’album parteciparono tanti musicisti e cantanti bravi e famosi, ma io – da tradizione che ho creato da solo – seleziono solo due brani.
Il primo brano di oggi è il «The Secret Garden (Sweet Seduction Suite)», al quale parteciparono Al B. Sure!, James Ingram, El DeBarge e Barry White:

E il secondo brano di oggi, sempre dallo stesso album, è il «Birdland»:

Oggi mi andava così.


La musica del sabato

Nel tentativo di selezionare qualcosa di leggero, ma allo stesso tempo anche di buona qualità, ho pensato che per il post musicale di questo sabato possa andare bene la collaborazione dei due classici del jazz: il chitarrista George Benson e il compositore-pianista Joe Sample.
Prima di tutto metto il brano «Deeper Than You Think»:

E poi aggiungo il brano «Lately»:

Spero che abbiano portato un po’ di serenità anche a voi.


La musica del sabato

Il musicista e compositore jazz statunitense Pee Wee Ellis è diventato noto per la sua partecipazione, negli anni ’60, della James Brown’ band. Ma pure negli oltre quarant’anni della propria carriera musicale successiva ha composto, suonato e registrato tanta musica interessante. È certamente impossibile farne un riassunto valido in un solo post, quindi tento di fornire solo due esempi belli.
Il primo brano scelto per oggi è lo strumentale «The Chicken», pubblicato nel 1969 sul lato B del singolo «The popcorn» di James Brown:

Il secondo brano di oggi è «Bon Bonn» (dall’album «Tenoration» del 2011), pubblicato ormai verso la fine della carriera musicale di Pee Wee Ellis:

È uno dei musicisti ai quali, molto probabilmente, tornerò ancora e più di una volta.


La musica del sabato

Il compositore e pianista statunitense Bob James mi piace per il suo jazz molto tranquillo e allo stesso tempo tecnicamente di alta qualità.
La sua composizione «Angela» è largamente nota…

Ma non tutti conoscono, per esempio, questa sua interpretazione (ne ha fatte anche altre con musicisti diversi) del brano «Feel Like Making Love»:

In generale, la musica suonata da Bob James si adatta a molte situazioni della vita.


La musica del sabato

Gordon L. Goodwin è uno dei più noti e apprezzati musicisti jazz dei giorni nostri. Diversi miei lettori potevano avere sentito – molto probabilmente senza accorgersene – la musica di Goodwin in almeno uno dei numerosi film nei quali è stata utilizzata.
Io oggi provo a pubblicizzare questo bravo artista pubblicando due brani dall’album «XXL» (del 2003) del gruppo Gordon Goodwin’s Big Phat Band.
Il primo brano scelto per oggi è «High Maintenance»:

E il secondo brano di oggi è «Hunting Wabbits»:

Secondo me al giorno d’oggi l’intero jazz andrebbe pubblicizzato, soprattutto tra gli ascoltatori relativamente giovani, quindi sono particolarmente contento di farlo con l’"aiuto" di un grande. Anche se capisco che a qualcuno potrebbe sembrare un genere musicale un po’ difficile…


La musica del sabato

«Help!», una delle canzoni più note de The Beatles, è stata pubblicata per la prima volta il 19 luglio del 1965 negli USA e il 23 luglio 1965 in UK. John Lennon avrebbe scritto il suo testo per dare uno sfogo allo stress accumulato «per colpa» di una crescita troppo veloce della popolarità del gruppo.

Come tutte le canzoni famose, anche la «Help!» è stata successivamente interpretata da diversi gruppi e artisti. Per esempio, è particolarmente strano sentirla nella interpretazione dei Deep Purple (che l’hanno inclusa nell’album «Shades of Deep Purple» del 1968). Rispetto all’originale, questa versione della canzone è più lenta. E solo nella seconda metà si riconoscono veramente i Deep Purple.

Tra le altre versioni più o meno anomale della «Help!» io sceglierei quella strumentale in stele jazz della orchestra di Count Basie (inclusa nell’album «Basie’s Beatle Bag»). Bella, anche se per molti poco abituale…

E poi esistono tante altre versioni che sarete capaci, volendo, di trovare anche da soli.


La musica del sabato

Per la puntata odierna della mia rubrica musicale ho voluto selezionare, senza alcun motivo, qualcosa del trombettista jazz Chris Botti. Per esempio, questa «Flamenco Sketches»:

Ma non dobbiamo dimenticare che la fama mondiale è arrivata a Chris Botti grazie alla sua fortunata collaborazione con Sting. Quindi in qualità della seconda composizione metto questa versione della canzone «My Funny Valentine»:


La musica del sabato

Per il post musicale di oggi ho voluto selezionare qualcosa di allegro. A termine di un breve periodo di meditazione ho dunque scelto la piece per l’orchestra «An American in Paris», scritta dal compositore George Gershwin nel 1928 (e suonata per la prima volta a Canegie Hall il 13 dicembre dello stesso anno).

Sì, dovrei educarvi anche all’ascolto del jazz, ahahaha


La musica del sabato

Oggi il grande compositore e direttore d’orchestra Leonard Bernstein avrebbe compiuto 100 anni. Sarebbe una buona occasione per riascoltare la sua fantastica «West Side Story»! E, oltre a tale banalissima considerazione, ricorderei Bernstein con qualche sua opera meno nota, per esempio «Touches» del 1981.